3 Giugno la ripartenza.

Finalmente dopo 3 mesi di restrizioni, l’ Italia riparte, forse questo momento lo aspettavamo da tempo, e forse molti di noi pensavano che non arrivasse più, il 3 Giugno 2020 l’ Italia allenta le misure restrittive. Ma andiamo a vedere meglio nel dettaglio cosa cambierà.

Torneremo a viaggiare?

Ecco la prima domanda che ci poniamo è proprio questa? Torneremo finalmente a viaggiare? Potremo uscire dalle nostre regioni? e magari anche dall’ Italia?

Si apriranno le frontiere ai Paesi dell’ area Schengen, tra cui Svizzera e Monaco, per cui i turisti potranno tornare in Italia senza doversi sottoporre ai 14 giorni di quarantena.

Un iniziativa per far ripartire il Turismo, dove i visitatori potranno riscoprire la meraviglie dell’ Italia, ma non dimentichiamoci che comunque dovremo tutti adottare le principali misure di sicurezza.

Quello che è certo che dalla data del 3/06/2020 ci potremo spostare nelle varie regioni Italiane.

Frontiere aperte?

In Europa sono ancora molti i Paesi che hanno chiuso le frontiere, allora se un Italiano volesse uscire dal nostro Belpaese dove potrà andare? La Slovenia è il primo paese ad aver riaperto i confini, come la Svizzera, e piano piano stanno riaprendo anche Grecia, Francia e Gran Bretagna.

Quello che sappiamo con certezza, è che dovremo aspettare il 15 giugno per avere maggioro informazioni per viaggiare in Europa, ma nel frattempo dal 3 giugno nessuno ci vieta di scoprire le nostre meraviglie Italiane.

Dal mare alla montagna, Borghi e campagne, da nord a sud l’ Italia si riuscirà a visitare, concedendo così al nostro Turismo di riniziare a vivere.

Spostandosi con i nostri mezzi, o magari prendendo l’ aereo, si perchè i principali aeroporti italiani tornano ad aprire i loro terminal, adottando delle precise misure di sicurezza.

E voi dove andrete quest’anno? Mare, Montagna? In che regione vorreste passare le vostre vacanze?

Le vacanze in Lombardia

Specialmente in questo periodo ascoltiamo sempre con molto interesse quello che sentiamo dell’estate che arriverà.

Questa devastante Pandemia oltre a mettere a ko la sanità ha messo ko molte attività, e sappiamo bene che l’Italia vive anche di Turismo, mare, montagne, Città d’arte, laghi insomma molte attività si ritroveranno a fare i conti con una stagione estiva che forse non partirà mai.

Tra le varie notizie che si sono sentite mi ha colpita una in particolare, dove dicevano che forse si potrà andare in vacanza ma non uscendo dalla propria regione! Ebbene sì… quando vivi in Sicilia, Sardegna, Puglia, Marche e tante altre regioni ci puoi anche non fare caso, ma quando vivi in Lombardia, e fai un anno a lavorare aspettando l’estate dell’anno dopo per poter rivedere il mare, la notizia ti spiazza e non poco.

Però dopo con calma inizi a ragionare e pensi che non è poi così male nemmeno in Lombardia, perché? Perché noi abbiamo Laghi, Montagne, e tante Bella Città e Borghi da visitare.

In ogni Regione d’Italia possiamo vedere, arte e cultura, ogni regione d’Italia può rapirci con la sua cucina e la sua Storia.

Nei prossimi articoli ragioneremo su tante belle città da visitare in questa estate! Intanto se volete sentire parlare di una città in particolare scrivetemelo pure nei commenti.

L’ Estate dopo il Coronavirus, come sarà?

L’ Estate dopo il Coronavirus, come sarà?

Quello che mi sono chiesta in questo periodo più spesso, e che ci chiediamo un po’ tutti, parlando con varie persone è quando tutto tornerà alla normalità, o almeno quando si potrà avere una parvenza di normalità 😕?

Questo Coronavirus ci ha veramente stravolto la vita, e sembra non mollare il colpo… tutti aspettavamo con ansia questo 4 maggio, pur sapendo che non ci sarebbe stata una trasformazione di questa vita, ma diciamocelo molti di noi speravano in qualcosa di più.

Non so voi, ma il pensiero va spesso a come sarà la prossima estate, a come si potrà convivere con questo virus, a come faranno tutte le attività che con il turismo ci vivono, hotel, B&B, ristornati, bar, locali e stabilimenti balneari…

Molte ipotesi sono state fatte, addirittura si è parlato di andare al ristorante separati da pannelli di plexiglas, di andare in spiaggia creando dei “Privé “ se così si possono chiamare, ma parliamoci chiaro chi è disposto a sopportare tutto questo?

E le attività riusciranno tutti a sostenere le spese per tutte queste modifiche? Riducendo di tanto le entrate!? Io penso di no, penso che dobbiamo piano piano tornare alla nostra vita.

Dopo questo periodo di chiusura quasi totale, i bambini devono essere liberi di tornare a correre, le persone di tornare a passeggiare, le attività di tornare a lavorare!

Che fine faranno le chiacchiere con i vicini di ombrellone? E come verrà gestito il momento del bagno? Tanti dubbi che cercheremo di risolvere nel prossimo articolo con qualche intervista a chi tutte queste trasformazioni dovrà farle.

Voi che ne pensate? Torneremo a viaggiare? Voi andreste al ristornate anche se vi divide un pannello di plexiglas? Andreste al mare anche se verrete chiusi da 4 pannelli?

Lasciate nei commenti i vostri pareri. Un saluto a presto ☺️

Non vi anticipo altro! Seguitemi prossimamente.

Museo del Fumetto 🗯 WOW

Museo del Fumetto 🗯 WOW

Per tutti gli appassionati a Milano nel 2011 nasce il Museo del Fumetto, una realtà unica in Italia, Wow accoglie artisti,editori,appassionati e curiosi.

Al suo interno troviamo esposizioni permanenti e temporanee, troviamo anche una biblioteca con più di 9000 libri e periodici aperta a tutti, una caffetteria è un Bookshop specializzato è fornito.

Un po’ di storia

Lo riconosciamo da un grande Arco, pronto ad accoglierci in questa visita. Prima era una rimessa dei Tram Urbani della Città di Milano, poi divenne parte dello stabilimento della Motta, solo dopo la chiusura dello stabilimento, e la quasi totale demolizione, per la costruzione di un parco pubblico e appartamenti, l’area più vicina al grande Arco divenne Wow.

Al suo interno vengono spesso organizzate Mostre ad ingresso gratuito, dei più famosi personaggi passati e moderni.

Già dall’esterno vedrete i vari Murales con i personaggi dei fumetti di tutte le epoche.

Una piccola Oasi nella città, dove passare qualche ora piacevole con la famiglia, tra libri, stampe e fumetti.

In questo momento dove siamo sempre più rapiti dalla tecnologia, penso sia un bel modo per coinvolgere anche i più piccoli nel fantastico mondo dei libri.

Una volta finita la visita al museo, vi consiglio una bella passeggiata al parco che troverete adiacente, almeno per vedere da vicino il Dinosauro, per la gioia dei più piccoli.

Per ovvie ragioni, tutto è ancora chiuso a Milano ma noi guardiamo con ottimismo il futuro, e quando tutti riaprirà scopriremo con piacere questi angoli nascosti che magari prima non ci sforzavamo di vedere, Milano come tutta Italia tornerà a vivere! È solo questione di tempo.

Qui vi lascio il link diretto del Museo in modo che potete curiosare i vari eventi che ha ospitato, i costi gli orari e tutte le informazioni utili! http://www.museowow.it/informazioni

Vi lascio anche delle foto prese dalla loro pagina Facebook!

Musa, Museo subacqueo

Musa, Museo subacqueo

Dopo aver visto il Museo dei Selfie di Vienna http://www.3giorniinviaggio.com/vienna-no-filter-museum/,volevo parlarvi di un museo molto particolare, siamo in MESSICO con più precisione a Cancun e vedramo il MUSEO D’ ARTE SUBACQUEA.

Lo so che quando si pensa al Messico ci vengono in mente subito le sue spiagge bianche, il sole, il cibo, il mare ed è proprio sotto la superficie del mare, tra i fondali delle splendide acque cristalline di ISLA MUJERES che troviamo il nostro museo.

Questo museo fondato da Jason deCarles Taylor, un celebre artista inglese, raccoglie piu di 500 sculture dello stesso Taylor e di altri artisti. E’ costituito da pezzi di un particolare cemento marino, che facilita la creazione di coralli sulla sua superficie.

Il bello di tutto ciò è vedere come mentre voi vi aggirate tra le varie sculture, gli animali vagano in tutta tranquillità, non creandosi nessun problema dei visitatori umani.

Come visitare il museo

Questo meraviglioso Museo può essere visitato in vari modi, dall ‘ immersione ( esperienza possibile sia di giorno che di notte) allo snorkeling, ma non preoccupatevi, per chi non facesse immersioni può comunque visitare il Museo sulla Glass Bottom Boat una barca con fondo in vetro.

Il museo è diviso in gallerie, proprio come un classico museo. Troviamo a otto metri di profondità il “Salon Manchones” visitabile in tutti i modi, a 4 metri di profondità troviamo il “Salon Nizuc” non raggiungibile con la Glass Boat.

Costo e info utili

Il costo del tour con la “Glass Bottom Boat“:

0-3 anni Free/ 4-11 anni 22€ circa/ maggiori di 12 anni 43€ circa.

Si possono scegliere 3 differenti orari, e si consiglia di prenotare on line o di arrivare almeno 30 minuti prima, orari tour 9:00-11:00-13:00

La durata complessiva del tour è di circa 3h e nel costo del biglietto è compreso acqua, rinfresco e birra.

Si può acquistare il biglietto condiviso, Glass Bottom Boat e snorkeling, per maggiori informazioni, foto, contatti ect vi lascio il link diretto. https://musamexico.org/

  • scultura messico
  • scultura uomo messico
  • particolari uomo
  • scultura auto
  • foto subacquea cancun
  • foto musa cancun

Vienna “ No filter Museum”

Vienna “ No filter Museum”

Un Museo temporaneo, in viaggio, con partenza da Vienna, l’idea di Petra Scharinger e Nils Pepe, un modo per riportare i giovani nelle gallerie d’arte!

Perché si sa in un momento cosi, dove tutto corre dietro la tecnologia, dove ormai i social la fanno da padrone, questo è il futuro… 24 Sale ognuna con uno sfondo diverso, un tema diverso, si passa da sale piene di glitter a sale con sfere giganti dove sdraiarsi, a sale con mini cup cake o dolcetti vari.

In una sua intervista la Scharinger ha detto “ Penso che sia il futuro dei musei, il punto è che non si tratta solo di selfie ma di divertirsi con L arte” poi aggiunge “ penso che le persone passino molto tempo sui suoi telefoni, ed è per questo che abbiamo cercato di mettere assieme realtà è divertimento”

Il Museo che ha aperto le porte ad Ottobre 2019 sarà a Vienna per 6 mesi, dopo l obbiettivo dei fondatori è di spostarsi in altri paesi come in un mega tour, dove i visitatori faranno a gara per il selfie più cliccato e poi tutti su Instagram a vedere i like! ✌️

E voi che ne pensate? Correte dietro alla tecnologia o pensate che forse la situazione ci stia sfuggendo un po’ troppo di mano?

Comunque adesso ci resta solo di sperare che questa emergenza sanitaria si risolva al più presto per seguire così le prossime tappe del Museum NoFilter, chissà che la prossima sia vicino a noi?

Malta.. con le parole di chi la vive.

Malta.. con le parole di chi la vive.

Oggi ho pensato di fare 3 domande nel gruppo “Italiani a Malta”, per capire come mai tanti nostri connazionali abbiamo scelto di trasferirsi in questa Isola.

Le domande sono state queste: Perché avete scelto Malta come alternativa alla vostra città? 3 Pregi di Malta? Consigliereste Malta a chi si vuole trasferire? Tante risposte ricevute, ho cercato di mettere le più complete, perché erano veramente tante, comunque volevo veramente ringraziare di cuore tutte le persone che hanno dato il loro contributo.

Le risposte

Piero Siciliano ha scelto Malta perché è un isola molto affine alla sua Sicilia, trovando qui quell’ opportunità che la sua terra non ha saputo darli. Ci dice che però la qualità di vita è un po’ al di sotto delle aspettative.

Tiziana di Milano trasferita a Malta per la sicurezza lavorativa, si perché qui nonostante la crisi e l’età è riuscita a trovare quello che Milano non le dava. I 3 pregi sono sicuramente la possibilità di lavoro, il mare e la temperatura calda, nonostante questo non la consiglierebbe a tutti come scelta di vita!

Poi abbiamo Marinella, lei ci racconta come non abbia scelto lei Malta ma sia stata l’ isola a scegliere lei… le hanno offerto un lavoro e lei ha accettato. Mamma di 2 ragazzi, ha però deciso di sondare il terreno da sola per poi prendere la decisione di trasferire la famiglia. Ormai sono 6 anni che vive a Malta e ancora oggi pensa che sia stata la scelta giusta.

Ci dice che a Malta ha trovato un ottima istruzione, a costo zero o quasi, cosa impensabile in Italia, tra i vari pregi un basso tasso di criminalità, un ottimo servizio sanitario e un clima mite tutto l’anno.

Comunque specifica anche che le paghe non sono altissime e quindi molto probabilmente se fosse stata sola avrebbe sicuramente scelto un altra meta.

Alessia invece ha vissuto prima in Inghilterra per 2 anni, poi ha scelto Malta molto più simile alla sua Sicilia. Secondo lei uno dei tanti pregi è sicuramente la possibilità di avere un lavoro, e si sa quando hai il lavoro tutto viene visto da una prospettiva sicuramente più positiva.

La consiglierebbe come scelta a chi ha già avuto esperienze all’estero, ma non sicuramente a chi vuole imparare la lingua.

Kry ci dice che sicuramente Malta le ha dato tutto quello che l’Italia non è riuscita a darle, fa anche un appunto molto interessante, come Malta sia riuscita anche in questo momento molto difficile a fare arrivare gli aiuti.

I pregi ci dice sono tanti, c’è lavoro, vita, divertimento, e soprattutto le tasse sono molto basse, basti pensare che un passaggio di proprietà di una macchina a Malta costa 15€.

Nel bene o nel male, Malta ci fa vivere senza che lo Stato calpesti la tua Dignità.

Camilla di Venezia vive a Malta da 4 anni, l’ha scelta per ricominciare a vivere con il sole in fronte e per assaporare Valori Antichi.

Come primo pregio sicuramente il clima, poi come detto da molti le tasse, e le persone che ti permettono di fare comunità.

Massimo ha scelto Malta per Amore, lavorava in Austria ma la sua compagna non sarebbe mai andata a vivere in un paese di Montagna.

Malta è stata per loro un ottima alternativa a soli 30 minuti di volo dalla Sicilia, le tasse e la lingua, infatti ci dice che forse Malta è l’unico paese europeo dove l’ 80% della popolazione parla Italiano.

Però Silvia di Padova ci racconta che per avere paghe decenti devi essere altamente specializzato, e la consiglia a chi ha spirito di adattamento.

Poi c’è Paola, si è trasferita con suo marito( Max, subacqueo e istruttore da 30 anni), per aprire la loro attività, un Diving center, l’hanno scelta perché è un ottima meta subacquea rimanendo comunque in Europa.

Lei ci racconta che ha molti pregi, ha una giusta dimensione e se lavori e ti introduci nel tessuto sociale puoi coltivare molte amicizie, non c’è malavita, e la sanità è ottima.

Ad oggi non consiglierebbe il trasferimento sull’ isola almeno che uno non abbia già un lavoro o delle idee chiarissime. I costi delle case negli ultimi anni sono cresciuti tanto, e se non si hanno certezze si potrebbe rimanere delusi.

Si evince come Malta sia stata scelta da molti come alternativa all’ Italia per la sua vicinanza, per il suo clima, il mare, e soprattutto la possibilità di lavorare, la possibilità di crearsi un futuro senza farsi schiacciare dalle tasse, come abbia dato a tanti la dignità che l’ Italia non riusciva a dare.

È anche vero che in questo momento, con questa pandemia molti sconsigliano il trasferimento nell’ isola, per L incertezza di quello che sarà il dopo.

Noi speriamo che anche Malta si riprenda presto, che torni più forte di prima, in modo da poter visitare le meraviglie di quest’isola, come le scogliere di DINGLI CLIFFS, i tempi di MNAJDRA e HAGAR QIM, riconosciuti come patrimonio dell’ Umanità dall’ Unesco, la Cattedrale di San Giovanni a La Valletta o perdersi tra i vicoli di Mdina e Rabat.

Palma de Maiorca

Oggi vi parlerò di questa bellissima città, però vorrei parlarvene in un modo un po’ diverso, non sarà un racconto di un mio viaggio, quello magari lo farò in un altro articolo, oggi ho pensato di dare voce a chi in quest’ isola ci vive da anni, magari per motivi di lavoro, di studio o solo per stravolgere la propria vita.

Questo viaggio sarà raccontato da varie persone, ognuna con le proprie idee e motivazioni, ho fatto 3 domande secche nel gruppo “ITALIANI A MAIORCA” su Facebook e qui ho raggruppato alcune delle risposte.

1 Domanda- Perché avete scelto Palma come alternativa alla vostra città?

Partiamo con la risposta di Adriana, Siciliana che ci racconta come Palma l’ abbia colpita e affascinata da subito, come questa città le ha offerto un futuro lavorativo senza rinunciare al mare, ai paesaggi e al sole tutto l’ Anno come la sua amata terra.

Poi abbiamo Giuseppe che a Palma ci vive da ben 41 anni, dopo essersi sposati a Roma nel ‘79 si sono spostati qui dove hanno trovato quell’ opportunità che l’ Italia in quel momento non riusciva a dargli.

E Clara che vive a Palma da 1 anno con il suo compagno, Siciliana anche lei, qui ha trovato ordine, rispetto ed educazione, un posto dove tutto funziona.

2 Domanda- Cosa secondo voi un turista non può perdersi di Palma?

Anche qui abbiamo varie risposte, tra cui la risposta di Rosa, Sarda che vive nell’ isola da ben 8 anni, capitata quasi per caso, ci dice che per lei sono imperdibili le cale, le spiagge e le coste in genere.

Giorgia invece ci raccomanda “CAP de Formentor”, dove lei manda tutti i suoi amici, Il punto più a Nord di Maiorca, una penisola che si sporge verso Minorca, un mare cristallino che passa dall’ azzurro al turchese.

Giuseppe ci racconta che Mallorca ha tutto, ma se proprio dovesse scegliere solo 1 posto, ci consiglia “ Sa Foradada” una piccola lingua di terra che si sporge sulla “Serra de Tramuntana” nel 2011 dichiarata Patrimonio mondiale dell’ Umanità dall’ UNESCO, uno dei migliori posti dove poter ammirare i magnifici tramonti Rossi.

3 Domanda- Il vostro posto preferito per mangiare?

Si sa per noi Italiani il cibo è cultura, in qualsiasi posto del Mondo ci possiamo trovare, impossibile non parlarne! Più persone con questa domanda, come Clara e Adriana ci hanno consigliato il “Mercato San Juan”, dove si possono trovare varie cucine mondiali, piatti spagnoli e maiorchini, vi lascio qui il link per saperne di http://www.mercadosanjuanpalma.es/

Poi abbiamo Giorgia che ci consiglia dei posti che ormai per lei sono come “ Casa”, un po’ fuori da Palma, il Soul Caffè, Sa Farinera a Canpastilla o Sa Fábrica a Sineu.

Clara invece ci consiglia in centro a Palma “ Casa Gallega ” un posto ottimo è economico.

Allá fine vorrei ringraziare di cuore le persone che hanno contribuito con la loro partecipazione alla realizzazione di questo articolo, un po’ particolare sicuramente, ma in questo momento più che mai è fondamentale capire che uniti ne usciremo più forti di prima. #iorestoacasa #lontanimavicini

Buona Pasqua a tutti.

Covid-19, torneremo a viaggiare?

Quante volte in queste settimane ci siamo chiesti se e quando potessimo tornare a fare tutto quello che facevamo prima di questo maledetto Virus? Cerchiamo risposte ovunque, e ogni giorno le risposte che cerchiamo tendono a modificarsi. Vediamo insieme come ci modificherà la vita questo Coronavirus.

I viaggi

Torneremo a viaggiare? si certo, ma come? sicuramente non viaggeremo più con la stessa leggerezza di prima, apprezzeremo ogni singolo secondo che accompagnerà i nostri viaggi, ogni passo che torneremo a fare che non sia sul pavimento di casa nostra ci sembrerà un miracolo. La normalità vera e propria forse non tornerà più, troppi cambiamenti che ci porteranno ad avere paura, e forse questa paura non ci abbandonerà mai.

Le vacanze estive

L’ orizzonte su cui molti di noi mirano, reclusi nelle nostre case, forse una grande speranza, quella di poter con il tempo tornare a pensare alle vacanze estive! con l’ arrivo delle belle giornate ci chiediamo spesso quando tutto questo finirà? potremmo tornare a partire? è difficile dire quanto potrà durare questa epidemia, come ribadito spesso dal Presidente della Repubblica, le misure vengono rimodulate in base alla diffusione di questo maledetto virus. Tutto ciò potrà quindi andare avanti fino al 31 luglio, data fissata come possibile fine dell’ emergenza.

E’ pur vero che se questo non è il momento ideale per pensare ad una vacanza, l’ emergenza virus potrebbe diminuire nei prossimi mesi e quindi piano piano potremmo tornare a viaggiare, ovvio non dall’ altra parte del Mondo, ma magari potremmo approfittare per viaggiare nel nostro Paese e cosi scoprire le meraviglie che ci appartengono.

Per tutti quelli che avevano già programmato e prenotato le proprie vacanze estive vi consiglio di tenervi costantemente aggiornati attraverso i canali ufficiali di http://www.viaggiaresicuri.it/, in modo da regolarvi qualsiasi cosa decidiate di fare.

Il caldo e l’ estate ci aiuteranno con il Covid-19?

In questi giorni, la ricerca non si è mai fermata, per cercare di conoscere il più possibile la struttura di questo virus, quello che è emerso dalle varie analisi è che la diffusione del contagio sembra rallentare con l’ aumentare della temperatura, mentre presenta un massimo di efficacia con una temperatura di circa 9°C. Basta ricordare infatti che il Covid-19 fa parte della stessa famiglia di Coronavirus dell’ influenza.

La speranza quindi è quella che questo Virus subisca un rallentamento consistente durante la stagione estiva. Nel frattempo noi dobbiamo, tutti insieme rispettare tutte le direttive che ci vengono date, e anche se in questo momento sembrerebbe che il nostro paese si stia risollevando non dobbiamo dimenticare che questo è il periodo in cui tutti dobbiamo stringere i denti per venirne fuori il prima possibile.

#IORESTOACASA per uscirne il prima possibile.