La Kalsa e Via d’ Amelio

VIA D'AMELIO

Tappe di obbligo se veniamo a Palermo, per quello che ci lega al nostro Paese, per la Storia, per il sapere che dovrebbe appartenerci, se ci troviamo in Sicilia non possiamo non venire a visitare questi due luoghi.

Non tutti conoscono la Storia della Kalsa e non tutti sanno il nesso che c’è tra la Kalsa e i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, il quartiere della Kalsa è una zona ancora poco turistica, nacque durante la denominazione islamica deriva dall ‘arabo al halisah ” l’eletta” ” la pura”.

Al centro della Kalsa si trova PIAZZA DELLA MAGIONE, a prima vista sembrerebbe un parco archeologico, al centro si trova un edificio diroccato, su cui troviamo opere di steet-art, è una piazza speciale per il ritrovo serale dei Palermitani, ma quello che ci ha portato fino a qui e che ha reso speciale ancora di più questo quartiere è stato il sapere che questa è la Piazza di FALCONE e BORSELLINO.

E’ questo infatti il quartiere in cui i due magistrati sono cresciuti, si sono conosciuti e insieme hanno preso questa scelta di vita, cresciuti insieme anche se andavano in scuole diverse, hanno fatto i chierichetti insieme nella stessa chiesa.

In Via della Vetreria si trova La Casa di Borsellino, oggi un centro culturale che vuole soprattutto rappresentare un alternativa per i giovani della Kalsa, fuori una targa Gialla con la scritta ” Qui dov’è nato Paolo Borsellino i cittadini palermitani iniziano il risanamento del centro storico”

Chiesa Santa Maria dello Spasimo

E’ una delle parti più antiche della città di Palermo, la particolarità di questo edificio è la mancanza del tetto, che la rende una cattedrale a cielo aperto. Nel 1509 il giureconsulto Giacomo Basilicò decise di costruire una chiesa in onore di quella della Nostra Signora dello Spasimo a Gerusalemme, la fece erigere a 60 passi da quella che era la porta di ingresso di Palermo perché quella originale è a 60 passi dalla porta Giudicaria, la settima stazione della Via Crucis.

Nel 1537 poi, a causa dell’ incursione degli ottomani, i cittadini di Palermo si misero ai ripari e la chiesa dovette subire delle modifiche. Negli anni a seguire, la chiesa ormai sconsacrata venne utilizzata in vari modi, è rimasta in stato di abbandono fino al 1988 e dopo un lungo restauro, nel 1995 è stata restituita al pubblico.

Mangiare alla Kalsa

Alla Kalsa non andate alla ricerca di ristoranti ect, se volete mangiare bene, spendendo poco andate da CHILUZZO in Piazza della Kalsa, lo riconoscerete dal profumo e dalla gente che c’è, mettetevi in fila e ordinate quello più vi ispira, dall’ arancina, al panino con le panelle, alle crocchè tutto strepitoso.

Via d’ Amelio

Dopo aver visto la Kalsa e dove sono cresciuti Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e avendo già visto dove il 23 maggio del 1992, allo svincolo di Capaci morì Giovanni Falcone, siamo voluti andare a rendere omaggio ad un grande uomo Paolo Borsellino, Via d’ Amelio dista una mezz’ oretta a piedi dal centro della città, arrivati sul posto troverete un Ulivo voluto dalla mamma di Paolo Borsellino in memoria del figlio e di tutta la scorta.

Un pezzo di storia che non si può e non si deve dimenticare, quando ti trovi in quel punto esatto dove tutto è successo ti assale un senso di tristezza, in raccoglimento e in silenzio torni a quel 19 luglio del 1992, e non ci sono parole per spiegare quello che questi uomini hanno fatto per noi, dando la loro vita per riportare questo paese alla libertà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: