Malta.. con le parole di chi la vive.

Oggi ho pensato di fare 3 domande nel gruppo “Italiani a Malta”, per capire come mai tanti nostri connazionali abbiamo scelto di trasferirsi in questa Isola.

Le domande sono state queste: Perché avete scelto Malta come alternativa alla vostra città? 3 Pregi di Malta? Consigliereste Malta a chi si vuole trasferire? Tante risposte ricevute, ho cercato di mettere le più complete, perché erano veramente tante, comunque volevo veramente ringraziare di cuore tutte le persone che hanno dato il loro contributo.

Le risposte

Piero Siciliano ha scelto Malta perché è un isola molto affine alla sua Sicilia, trovando qui quell’ opportunità che la sua terra non ha saputo darli. Ci dice che però la qualità di vita è un po’ al di sotto delle aspettative.

Tiziana di Milano trasferita a Malta per la sicurezza lavorativa, si perché qui nonostante la crisi e l’età è riuscita a trovare quello che Milano non le dava. I 3 pregi sono sicuramente la possibilità di lavoro, il mare e la temperatura calda, nonostante questo non la consiglierebbe a tutti come scelta di vita!

Poi abbiamo Marinella, lei ci racconta come non abbia scelto lei Malta ma sia stata l’ isola a scegliere lei… le hanno offerto un lavoro e lei ha accettato. Mamma di 2 ragazzi, ha però deciso di sondare il terreno da sola per poi prendere la decisione di trasferire la famiglia. Ormai sono 6 anni che vive a Malta e ancora oggi pensa che sia stata la scelta giusta.

Ci dice che a Malta ha trovato un ottima istruzione, a costo zero o quasi, cosa impensabile in Italia, tra i vari pregi un basso tasso di criminalità, un ottimo servizio sanitario e un clima mite tutto l’anno.

Comunque specifica anche che le paghe non sono altissime e quindi molto probabilmente se fosse stata sola avrebbe sicuramente scelto un altra meta.

Alessia invece ha vissuto prima in Inghilterra per 2 anni, poi ha scelto Malta molto più simile alla sua Sicilia. Secondo lei uno dei tanti pregi è sicuramente la possibilità di avere un lavoro, e si sa quando hai il lavoro tutto viene visto da una prospettiva sicuramente più positiva.

La consiglierebbe come scelta a chi ha già avuto esperienze all’estero, ma non sicuramente a chi vuole imparare la lingua.

Kry ci dice che sicuramente Malta le ha dato tutto quello che l’Italia non è riuscita a darle, fa anche un appunto molto interessante, come Malta sia riuscita anche in questo momento molto difficile a fare arrivare gli aiuti.

I pregi ci dice sono tanti, c’è lavoro, vita, divertimento, e soprattutto le tasse sono molto basse, basti pensare che un passaggio di proprietà di una macchina a Malta costa 15€.

Nel bene o nel male, Malta ci fa vivere senza che lo Stato calpesti la tua Dignità.

Camilla di Venezia vive a Malta da 4 anni, l’ha scelta per ricominciare a vivere con il sole in fronte e per assaporare Valori Antichi.

Come primo pregio sicuramente il clima, poi come detto da molti le tasse, e le persone che ti permettono di fare comunità.

Massimo ha scelto Malta per Amore, lavorava in Austria ma la sua compagna non sarebbe mai andata a vivere in un paese di Montagna.

Malta è stata per loro un ottima alternativa a soli 30 minuti di volo dalla Sicilia, le tasse e la lingua, infatti ci dice che forse Malta è l’unico paese europeo dove l’ 80% della popolazione parla Italiano.

Però Silvia di Padova ci racconta che per avere paghe decenti devi essere altamente specializzato, e la consiglia a chi ha spirito di adattamento.

Poi c’è Paola, si è trasferita con suo marito( Max, subacqueo e istruttore da 30 anni), per aprire la loro attività, un Diving center, l’hanno scelta perché è un ottima meta subacquea rimanendo comunque in Europa.

Lei ci racconta che ha molti pregi, ha una giusta dimensione e se lavori e ti introduci nel tessuto sociale puoi coltivare molte amicizie, non c’è malavita, e la sanità è ottima.

Ad oggi non consiglierebbe il trasferimento sull’ isola almeno che uno non abbia già un lavoro o delle idee chiarissime. I costi delle case negli ultimi anni sono cresciuti tanto, e se non si hanno certezze si potrebbe rimanere delusi.

Si evince come Malta sia stata scelta da molti come alternativa all’ Italia per la sua vicinanza, per il suo clima, il mare, e soprattutto la possibilità di lavorare, la possibilità di crearsi un futuro senza farsi schiacciare dalle tasse, come abbia dato a tanti la dignità che l’ Italia non riusciva a dare.

È anche vero che in questo momento, con questa pandemia molti sconsigliano il trasferimento nell’ isola, per L incertezza di quello che sarà il dopo.

Noi speriamo che anche Malta si riprenda presto, che torni più forte di prima, in modo da poter visitare le meraviglie di quest’isola, come le scogliere di DINGLI CLIFFS, i tempi di MNAJDRA e HAGAR QIM, riconosciuti come patrimonio dell’ Umanità dall’ Unesco, la Cattedrale di San Giovanni a La Valletta o perdersi tra i vicoli di Mdina e Rabat.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: